Agosto 23, 2023
L'articolo parla di: Ambiente, Smart Mobility
  • Home
  • >>
  • L’auto elettrica: opportunità o minaccia per il futuro?

L’auto elettrica è al centro di accesi dibattiti. C’è chi la vede come la soluzione ai problemi di inquinamento delle nostre città, e chi come una nuova minaccia ambientale. In questo articolo analizzeremo a fondo i pro e i contro di questa tecnologia emergente, basandoci su dati scientifici e fonti attendibili.

Scopriremo se le auto elettriche sono davvero più ecologiche di quelle a benzina e diesel. Esamineremo il loro impatto sull’ambiente, dall’estrazione delle materie prime necessarie alle batterie, fino allo smaltimento a fine vita. Capiremo se i costi per i consumatori, oggi ancora elevati, sono destinati a scendere grazie agli incentivi e ai progressi tecnologici. E valuteremo se la rete di ricarica disponibile è sufficiente per consentire viaggi di media e lunga distanza. Le conclusioni potrebbero sorprendervi e farvi cambiare prospettiva su questo mezzo di trasporto innovativo. Continuate a leggere per scoprire tutta la verità sulle auto elettriche.

Le auto elettriche in Italia: una soluzione sostenibile o un’illusione?

In un mondo sempre più attento alla sostenibilità ambientale, è innegabile che la questione della mobilità sia diventata un punto nodale. Si cerca continuamente alternative alle fonti di energia fossile, nel tentativo di limitare il più possibile le emissioni di gas serra. A tal proposito, il dibattito sull’auto elettrica è sicuramente accesso: un veicolo che non brucia petrolio, bensì consuma energia elettrica.

Ma, ci troviamo di fronte a una contraddizione: secondo l’agenzia internazionale dell’energia, soltanto il 30% dell’elettricità mondiale è prodotta da fonti rinnovabili. Se guardiamo più da vicino al nostro Paese, la situazione non è dissimile. La maggior parte dell’energia elettrica, infatti, deriva ancora da fonti fossili. Concludiamo quindi che alimentare un motore elettrico con energia derivata da fonti fossili non ha molto senso se l’obiettivo è veramente quello di muoversi verso la sostenibilità.

Se pensiamo a nazioni come la Cina, notoriamente ricche di carbone, le prospettive non sembrano migliorare. Il carbone rappresenta una delle principali fonti di emissione di gas serra, eppure la Cina difficilmente smetterà di utilizzarlo. Però, allo stesso tempo, sappiamo anche che la stessa nazione punta decisa sulle fonti rinnovabili per il suo futuro.

Quindi, di fronte a questa realtà, come possiamo realmente pensare di “convertirci” alle auto elettriche? Fare un punto sulla situazione italiana può aiutarci a capire: attualmente, in Italia circolano circa 200 mila auto elettriche su quasi 40 milioni di veicoli. Considerando che la media di età del parco auto italiano è di 12,2 anni, il peso delle auto elettriche sul totale è appena dello 0,5%. Anche se considerassimo le auto ibride, non supereremmo il 4% del totale.

Leggi anche: Auto elettriche 2035: siamo pronti a cambiare?

Queste cifre sollevano una serie di domande su quale debba essere il percorso verso un modello di mobilità più sostenibile. È chiaro, infatti, che occorre un equilibrio tra ricerca di nuove tecnologie verdi, sensibilizzazione dei cittadini, e intervento politico per facilitare la transizione.

Il traguardo delle 40 milioni di auto elettriche nel 2050 è ancora molto lontano: il costo e l’incremento dei consumi elettrici in Italia

La presenza di 40 milioni di auto elettriche sulle strade italiane è, allo stato attuale delle cose, un’ipotesi che sembra decisamente distante. Per raggiungere un traguardo così ambizioso, dobbiamo ipotizzare di immatricolare, ogni anno fino al 2050, circa un milione e mezzo di veicoli elettrici. Un ritmo così sostenuto comporterebbe inevitabilmente un impatto sul consumi energetici del nostro Paese.

Secondo una stima dell’operatore italiano Terna, un’ampia diffusione di auto elettriche comporterebbe un incremento dei consumi elettrici nazionali di poco meno del 20%. Questa prospettiva ci mette di fronte a un’ulteriore sfida: assicurare il soddisfacimento di un fabbisogno energetico così aumentato, senza ricorrere alle fonti fossili.

Abbracciare una mobilità completamente elettrica richiederebbe dunque un cambiamento radicale non solo nel parco auto, ma anche (e forse soprattutto) nel modo in cui produciamo energia. Non dovremmo limitarci a sostituire le auto a motore termico con quelle elettriche, ma dovremmo operare per una transizione verso fonti rinnovabili e sostenibili, capaci di sostenere le nuove esigenze in termini di consumi.

Ma non si tratta solamente di tecnologia e infrastrutture. Estendere la diffusione delle auto elettriche significa anche lavorare sulla sensibilizzazione dei cittadini, sugli incentivi economici, sulla disponibilità di modelli accessibili. La strada verso un futuro più sostenibile richiede un impegno condiviso di autorità, cittadini e industrie.

Le auto elettriche: un futuro sostenibile o solo un’utopia?

Ma quale è realmente l’impatto ambientale di un veicolo elettrico? Questa risposta è risultato di molteplici variabili, che vanno considerate nella loro interezza: dai processi di produzione, che includono l’estrazione dei minerali per le batterie, alla fase finale di smaltimento del mezzo. Le ricerche condotte dal MIT quantificano le emissioni di un veicolo elettrico in misura notevolmente inferiore a quelle prodotte da un motore a combustione interna.

Nella stessa direzione si muovono le conclusioni del Join Research Centre della Commissione Europea, secondo cui l’auto elettrica ha un impatto ambientale del 75% inferiore rispetto a quella a combustione. Per meglio comprendere, un’auto elettrica percorre la stessa quantità di chilometri di una tradizionale utilizzando solamente un quarto dell’energia. Meno emissioni non significa emissioni nulle, ma è un significativo passo avanti.

Ciò non toglie che ci si possa interrogare sulla reale possibilità di un giorno poter disporre di un’auto totalmente verde, esente da emissioni di gas serra. Personalmente, non ho una risposta definitiva a questa domanda. In ogni caso, non si può negare che limitare la presenza dei veicoli tradizionali, soprattutto nei centri urbani, potrebbe portare benefici tangibili.

Ma cambiamo prospettiva: la questione economica. È vero, un’auto elettrica non è alla portata di tutti. E io per primo non posso permettermi di cambiare la mia vecchia Fiat 500 GPL. Al contempo però, dobbiamo tenere in considerazione il fatto che saranno la ricerca e gli investimenti a rendere le tecnologie più avanzate accessibili a più persone.

Ti faccio un esempio: solo pochi anni fa, la potenza di calcolo di uno smartphone era riservata solo a super-calcolatori della NASA. Oggi, probabilmente, stai leggendo questo articolo proprio da uno di questi dispositivi, che hai acquistato con una spesa di poche centinaia di euro.

Certo, cambiare non è facile, e non fingiamo che lo sia. Ma se vogliamo immaginare un futuro più sostenibile, dobbiamo essere disposti a esplorare ogni possibile soluzione. E, sebbene l’auto elettrica non sia l’unico possibile percorso, fa comunque parte delle opzioni che stiamo considerando.

L’auto elettrica, quindi, non va demonizzata né idolatrata. Va valutata per quello che è: una tecnologia che ha fatto passi avanti significativi negli ultimi anni, ma su cui c’è ancora molto da fare. Ci sono problemi da risolvere, ma se lavoriamo insieme, potremmo un giorno non vedere l’auto elettrica come un’utopia, bensì come una soluzione concreta e accessibile.

Potrebbe interessarti: Quanto costa ricaricare l’auto elettrica a casa?

Le auto elettriche: una soluzione sostenibile per il futuro?

In questo contesto, gli sviluppi tecnologici futuri avranno un ruolo determinante. Secondo le previsioni, nei prossimi anni ci aspetta un aumento della produzione di energia elettrica, pari quasi all’incremento di consumo previsto con l’estensione della mobilità elettrica. Questo aumento sarà legato, almeno in parte, alle fonti rinnovabili, ribadendo ancora una volta l’importanza di un cambio di paradigma energetico.

Allo stesso tempo, ci si proietta verso una società meno energivora. Si ipotizza che il maggiore consumo legato alle auto elettriche possa essere bilanciato da un risparmio nella produzione, nell’agricoltura e nelle abitazioni.

Questo scenario ci invita a pensare a un futuro in cui le auto elettriche saranno ulteriormente migliorate, più efficienti, sicure e sostenibili. Le vetture attuali, grazie agli investimenti e alla ricerca, hanno già minori consumi rispetto a quelle del passato. I modelli del 2050, presumibilmente, saranno ancora più efficienti.

Isolare l’auto elettrica dal contesto più ampio è un errore. Non possiamo affrontare le sfide future basandoci solo sui dati attuali. È vero, il costo delle auto elettriche è una critica condivisa. Molti puntano alla necessità degli incentivi per favorire l’acquisto.

Considerando gli attuali incentivi del governo italiano per l’anno 2022, l’acquisto di un’auto elettrica con un prezzo fino a 42.700 euro IVA inclusa comporta un incentivo di 3.000 euro; se si rottama l’auto vecchia, l’incentivo sale a 5.000 euro. Per auto con un prezzo superiore, gli incentivi scendono. Se inoltre si aggiunge una wallbox, cioè un sistema di ricarica domestica, si accede a ulteriori supporti economici.

Questo dimostra che la transizione verso una mobilità più sostenibile non è solo una sfida tecnologica, ma anche sociale ed economica. Di fronte a questi cambiamenti, l’industria, i governi e i cittadini devono lavorare insieme per trovare le soluzioni più efficaci e sostenibili.

Leggi anche: Quali sono le principali forme di mobilità sostenibile?

Le auto elettriche: una soluzione sostenibile per l’ambiente?

Ed eccoci ad un tema ineludibile: indipendentemente dalle correnti di pensiero e dalle opinioni personali, dobbiamo confrontarci con la questione centrale – sono le auto elettriche veramente sostenibili, oppure inquinano più di quelle alimentate da benzina o diesel?

Chiunque si sia posto questa domanda e abbia cercato risposte su internet sa che esistono molteplici posizioni, spesso discordanti. Il confronto, dunque, può sembrare un vero campo di battaglia: una miriade di “prove” a sostegno di una tesi o dell’altra ci sommerge, rendendo complicato districarsi e comprendere quali siano davvero i fatti.

Per evitare il rischio di discorsi da stadio, dobbiamo provare a mettere da parte preconcetti e ideologie e interrogarci obiettivamente sulla necessità delle auto elettriche. A tal proposito, è utile confrontare le implicazioni ambientali delle auto elettriche con quelle del motore endotermico, che consideriamo la soluzione tradizionale attualmente più diffusa.

Sappiamo che i motori endotermici sfruttano la combustione interna di miscele che contengono idrocarburi come petrolio e generano, nel processo, gas serra e particolato. Quest’ultimo, in particolare, può avere conseguenze gravi sulla salute umana, causando o aggravando malattie dell’apparato respiratorio e cardiovascolare.

L’agenzia Europea per l’Ambiente conferma che le polveri più grossolane generano circa 300.000 vittime all’anno in Europa, e ben 50.000 solo in Italia. E’ ormai appurato che l’auto con motore endotermico è dannosa per la salute umana e per l’ambiente circostante.

Nel quadro globale dei cambiamenti climatici, il contributo dei trasporti alla produzione di gas serra è significativo. Negli Stati Uniti, ad esempio, varia dal 25 al 27%. E’ quindi necessario prendere in seria considerazione l’alternativa rappresentata dalle auto elettriche, non come una soluzione perfetta, ma come un passo importante verso la riduzione dell’inquinamento atmosferico e la protezione della nostra salute.

La ricarica delle auto elettriche in Italia: numeri e tendenze del settore

Passiamo ora al nodo della reperibilità finanziaria e allo spinoso tema del rifornimento delle auto elettriche. Riconosciamo tutti la facilità con cui è possibile rifornire un’auto a benzina o gasolio: le stazioni di servizio si susseguono lungo le nostre strade e, a meno di circostanze particolari, non c’è difficoltà nel fare il pieno.

Ma cosa accade con le auto elettriche? Dove e in che misura sono disponibili i punti di ricarica?

Per rispondere a questa domanda, prendiamo in considerazione i dati aggiornati al 31 Marzo 2023, raccolti da un sito specializzato. In Italia, ci sono oltre 180.000 auto elettriche in circolazione, per le quali sono disponibili 41.000 punti di ricarica.

Da notare che il trend delle vendite di auto elettriche è in netta crescita: +40% solo nell’ultimo anno. Al contempo, l’offerta di incentivi per l’installazione di stazioni di ricarica domestiche, le cosiddette “wallbox”, cresce anch’essa: si possono ottenere fino a 1.500 euro di incentivi per l’installazione di una wallbox in casa propria, e fino a 8.000 euro se la spesa è sostenuta dal condominio.

E’ evidente che la transizione verso la mobilità elettrica comporterà, inevitabilmente, degli sforzi di adattamento sia per i singoli utenti che per la società nel suo insieme. Tuttavia, i dati mostrano che stiamo già muovendoci verso un cambiamento del nostro modello di mobilità. L’obiettivo è chiaro: diminuire le emissioni di gas serra e migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Ora, più che mai, dobbiamo lavorare insieme per rendere questo cambiamento possibile e accessibile a tutti.

Le auto elettriche: vantaggi e svantaggi in termini di impatto ambientale e sul portafoglio

Proseguendo nell’argomento di cui stiamo discutendo, vale la pena esplorare le implicazioni finanziarie che potrebbero discendere da un guasto all’auto elettrica. Mentre problemi meccanici standard come il cambio di un cerchio o di un braccetto avrebbero un impatto economico comparabile a quello per un’auto tradizionale, l’eventualità di una rottura di elementi specifici delle auto elettriche, come le centraline software o il motore elettrico, potrebbe generare spese molto più onerose.

L’autonomia economica dell’auto elettrica rappresenta quindi un argomento importante, ma è necessario approfondire: i vantaggi dell’auto elettrica compensano i potenziali svantaggi? Parlando di impatto ambientale e non solo di impatto economico sul portafoglio – considerando infatti le tendenze del mercato e gli incentivi governativi, è abbastanza chiaro che il costo iniziale delle auto elettriche può essere ancora proibitivo per molti – è il momento di valutare tutti gli aspetti.

Il rapporto costi-benefici del possesso di un’auto elettrica. Per analizzarlo, facciamo riferimento a uno studio condotto dal MIT, il Massachusetts Institute of Technology, uno dei più prestigiosi centri di ricerca al mondo. Dopo aver stabilito che l’estrazione di una tonnellata di litio causa l’emissione di ben 15 tonnellate di CO2, il MIT confronta le auto a batteria con le auto tradizionali, considerando l’impatto totale, incluse le emissioni prodotte da ciascun veicolo.

Le auto elettriche: sostenibili o solo una moda?

Proseguendo con questo filone, è impossibile non considerare le motivazioni che stanno dietro la tendenza delle auto elettriche. L’aspetto ambientalista è innegabilmente centrale, ma è anche vero che il business gioca un ruolo importante in ogni trend del mercato. Dopotutto, non sono solo le auto elettriche a utilizzare batterie al litio, ma anche molti prodotti che usiamo quotidianamente, come giocattoli, cuffie wireless, utensili elettrici ed elettrodomestici.

Un’altra questione che merita attenzione è lo smaltimento delle batterie. La batteria di un’auto elettrica è composta da moduli, che a loro volta contengono celle di litio. Nonostante la possibilità di riparazione, una batteria si esaurirà inevitabilmente nell’arco di 8-10 anni. A quel punto, le scelte sono due: recuperare materiali come litio, nichel e cobalto, oppure riutilizzare le batterie rigenerate in altri contesti energetici. Ad esempio, le batterie rigenerate possono servire nella produzione di energia da fonti rinnovabili, collegando centinaia di dispositivi di seconda mano per creare sistemi di accumulo.

Potrebbe interessarti: Batteria al sale: una rivoluzione nel settore energetico

Queste non sono mere ipotesi futuribili, ma soluzioni già in atto, come l’illuminazione dello stadio di Amsterdam, dove gioca l’Ajax, o i sistemi di stoccaggio di Renault, Nissan e Tesla, che forniscono energia pulita a isole e strutture urbane. Tuttavia, solo la metà delle batterie segue questa strada virtuosa; l’altro 50% finisce in discarica, con conseguenze potenzialmente tossiche per il suolo e l’aria.

Ma anziché soffermarci su questi punti negativi, chiediamo ad un vero proprietario di auto elettrica – nel caso specifico, un possessore di Tesla – quali sono i benefici tangibili. Giochiamo con le cifre: una ricarica al Super Charger Tesla può costare dai 35 ai 40 euro, per un’autonomia di circa 500 km in città. Questo è all’incirca comparabile a una normale auto a benzina, sebbene una diesel potrebbe risultare più economica.

Rovesciamo la medaglia e consideriamo un eventuale guasto: sicuramente, se un componente di una macchina complessa come una Tesla o un’equivalente auto elettrica si rompesse, il costo per la riparazione sarebbe piuttosto elevato. Ma lo stesso si direbbe di un’auto di lusso a motore termico.

La sostenibilità delle auto elettriche: un’analisi approfondita

Riflettendo sullo stato attuale della mobilità elettrica in Italia, notiamo che il suo sviluppo si concentra principalmente nelle regioni del nord, seguito parzialmente dal centro, mentre il sud e le isole faticano notevolmente a starne al passo. Le stazioni di ricarica sono ancora insufficienti e occorre fare i conti con l’incertezza di trovarne una libera e in buone condizioni, spesso sono difatti in cattivo stato o addirittura non funzionanti.

Un elemento di tensione riguarda i tempi di carica. Se non si dispone di una wallbox domestica, che necessita comunque tra le 5 e le 12 ore per una ricarica completa, è necessario interrompere il proprio viaggio per almeno due ore nelle aree di ricarica pubbliche. Questa circostanza non è certo ideale per chi ha esigenze di tempo strettamente legate al lavoro o a questioni personali.

Un altro aspetto cruciale concerne l’autonomia offerta dalle auto elettriche. Se le auto di fascia alta possono vantare percorrenze di oltre 400 chilometri, le vetture comuni offrono la metà, il che può essere sufficiente per un utilizzo urbano ma diventa problematico per viaggi più lunghi, soprattutto in autostrada.

Giungiamo ora al nodo più contenstato: la produzione delle batterie. Queste richiedono materiali peculiari e difficili da trovare, come il cobalto, nichel, manganese e soprattutto il litio. L’estrazione del litio comporta processi invasivi, energivori, inquinanti e dispendiosi in termini economici. Con la diffusione delle auto elettriche, il litio potrebbe diventare sempre più raro e di conseguenza più costoso.

La maggior parte del litio disponibile si trova in America Latina, nella triade Argentina-Bolivia-Cile, conosciuta come il “triangolo del litio”. Altri importanti depositi sono presenti in Cina, Australia, Brasile e Stati Uniti. L’aspetto geopolitico deve essere tenuto in alta considerazione: affidare la propria dipendenza energetica a una ristretta manciata di paesi per l’estrazione di un elemento fondamentale rappresenta un rischio. Tutto questo senza dimenticare che, paradossalmente, i paesi che producono più batterie sono anche quelli che maggiormente emettono gas serra nell’atmosfera.

Le auto elettriche: un futuro sostenibile per l’Italia?

Per aggiungere ulteriore contesto alla nostra discussione, si può considerare un documento dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) del 2010, che indicava che il 23% dei gas serra prodotti dai trasporti in Italia proviene da veicoli su strada, ovvero automobili e camion. Questo dato supporta ulteriormente l’importanza di rivolgere l’attenzione alla decarbonizzazione del trasporto su strada, ponendo grande enfasi sull’auto elettrica come possibile soluzione.

Un esame approfondito del settore dei trasporti mostra che, nonostante gli sforzi per ridurre le emissioni, la strada ha un profondo impatto sulla nostra impronta di carbonio. Di fronte a tutte le altre forme di trasporto, come l’aereo, il treno o la nave, le auto e i camion di tutti i tipi rappresentano la fonte più importante di emissioni di gas serra nel nostro paese. Questa consapevolezza offre una prospettiva importante sul perchè i veicoli elettrici sono considerati una parte fondamentale della soluzione al problema del cambiamento climatico.

Nonostante la complessità e le difficoltà associate all’implementazione della mobilità elettrica, le statistiche offrono un quadro chiaro: se vogliamo ridurre le emissioni del nostro paese, dobbiamo affrontare il tema dei trasporti su strada. Questo rende inevitabile l’adozione delle auto elettriche, nonostante le sfide che la loro implementazione comporta in termini economici, tecnologici e infrastrutturali.

Conclusione

Dall’analisi del rapporto tra auto elettriche e motori endotermici emerge chiaramente che le prime, nonostante i limiti intrinseci, rappresentano un passo avanti rispetto alle tradizionali auto a benzina o diesel in termini di sostenibilità ambientale. Le emissioni inquinanti sono nettamente inferiori se l’approvvigionamento energetico avviene da fonti rinnovabili. Le criticità permangono, dai costi ancora elevati allo smaltimento delle batterie, ma è innegabile che la tecnologia abbia fatto passi da gigante e che investire su questa strada significhi guardare al futuro. Quanto è giusto sacrificare il presente per un futuro migliore, se ne vale davvero la pena? Forse la risposta non può che essere affermativa.

La Redazione

Mi chiamo Giuseppe e sono il fondatore di GreenYourLife, un blog pensato per fornire informazioni e consigli utili per uno stile di vita più sostenibile. Sono nato e cresciuto in uno dei posti più belli del mondo, la Sardegna, e sono sempre stato attento alle tematiche ambientali.

Potrebbe interessarti: